sabato 16 febbraio 2008

I 12 punti di Veltroni/ Cosa mi delude

Non mi sorprende che da questo manifesto sia assente una qualsiasi menzione ai diritti per le coppie di fatto e per i gay. Il 2007 in Italia è stato come una nube radioattiva per questo tema: se ne riparlerà quando l'ultimo atomo di uranio sarà decaduto.

Vediamo come il PD rilancerà l'Italia:
- Istruzione: le nostre università, in deficit di meritocrazia, autonomia e finanziamenti, vedranno i loro problemi magicamente risolti da centinaia di nuovi alloggi per studenti. E certo, mica vogliamo mettere il numero chiuso! Creiamo una stanza per ognuno dei 180.000 studenti della Sapienza!
- Giustizia: è sacrosanto che i condannati (in quale grado? al primo o al quinto? non si sa) non possano candidarsi in Parlamento. Ma è questo il solo problema che rende l'Italia un Paese anormale? O forse la lunghezza dei processi civili e penali è un male trascurabile? E' come se tra curare un cancro e un'unghia incarnita, un medico scegliesse di dare la precedenza all'unghia.

E poi, piogge di soldi a tutti. Neonati, autostrade, detrazioni fiscali... Il PD sceglie di offrire agli elettori COSE. Per il manifesto di Veltroni il sistema Italia funziona bene così: non c'è bisogno di riforme strutturali. Il mercato del lavoro non si riforma, si danno 4 euro ai precari e tutti via alla Notte Bianca! In effetti, lo stesso Veltroni ha sostenuto che "non è l'Italia che deve rialzarsi ma la politica". E questo manifesto è proprio così, cambiano le politiche ma non si pretende di cambiare il Paese. E' il modello Roma applicato all'Italia, quello degli investimenti in metrò, festival e piazze pedonalizzate. Nuovi asili nido e un po' di Gay Village per far stare buoni i pederasti.

Scompare infine, e questo è un grave passo indietro rispetto al Manifesto dell'Unione del 2006, qualsiasi accenno a: conflitto d'interessi, regolamentazione del sistema radiotelevisivo, autonomia della RAI dalla politica.

In breve: i 12 punti di Veltroni sono degli obiettivi ottimi e necessari. In un programma davvero riformista, però, sarebbero soltanto dei dettagli secondari. Risplendono di luce riflessa, solo perché dall'altra parte c'è il solito nulla di Berlusconi.

Debole. Voto: 6 --

3 commenti:

Paolo ha detto...

Keep.

(A me è parso che non sono alloggi per gli studenti quelli citati nel programma, ma nuove università, quindi assai peggio)

F ha detto...

Non so, campus può essere alloggio MA ANCHE sede didattica ;)

Certo, se demolissero l'astronave (ossia la facoltà di economia della Sapienza) e la sostituissero con delle belle casette immerse nel verde, non sarebbe male..

Anonimo ha detto...

6--??? Generoso...