domenica 1 luglio 2007

S'i fosse/ Ministro degli Interni

Fortemente complementare alle misure già approvate dal nostro collega alla Giustizia, variamo oggi il Pacchetto Sud, un insieme di disposizioni volte a ridurre la forza della criminalità organizzata nel nostro Paese.

Dal 1°gennaio p.v., si dà il via alla legalizzazione controllata della prostituzione. Ogni Comune deciderà se e quali aree trasformare in quarteri a luci rosse, mentre l'allocazione delle licenze sarà stabilita su base provinciale dalla Prefettura, secondo linee guida stabilite da ciascuna Regione. A livello nazionale si stabiliscono le norme igieniche che devono essere soddisfatte dagli operatori e dai luoghi di lavoro. Le prostitute/i, che possono riunirsi in cooperative, sono tenute a emettere fattura e a pagare i contributi per le loro future pensioni.

Sempre dal prossimo gennaio, si legalizzerà il consumo e la vendita di marijuana. Sul modello olandese, la cannabis potrà essere venduta e consumata in appositi coffee-shop. Per venire incontro alla composita realtà del territorio italiano, si procede ad una sorta di amnistia per i malavitosi che intendono rifarsi una vita all'insegna della legalità. Avranno la precedenza per diventare gestori di coffeeshop tutti coloro che hanno dei precedenti penali per associazione a delinquere di stampo mafioso. Se questo costituisce un'indubbia carota, il bastone è la minaccia di venti anni di carcere con confisca immediata del coffeeshop, in caso di spaccio di sostanze stupefacenti illegali all'interno del locale.

Veniamo ora al Pacchetto Immigrazione:
Si stabilisce che i residenti stranieri in Italia hanno il diritto di voto attivo e passivo a livello amministrativo. Si rafforza lo ius soli: ogni bambino nato in Italia, se ha frequentato i 5 anni di scuola elementare in Italia, è eleggibile ad ottenere la cittadinanza italiana, a patto che continui a risiedere in Italia fino al momento dell'ottenimento. Può diventare cittadino italiano, qualunque straniero che risieda in modo continuativo in Italia per 10 anni, in possesso della Carta di Soggiorno, sia in regola con il fisco e superi un esame di lingua italiana e di educazione civica. I detentori di titolo universitario equipollente al nostro hanno accesso alla Carta di Soggiorno, previo riconoscimento.

Pacchetto Elezioni:
Si riordina il voto degli Italiani all'estero alle elezioni politiche. La circoscrizione Estero è sciolta. Gli Italiani residenti all'estero voteranno per l'ultima circoscrizione di loro residenza. Si introduce il voto per corrispondenza per tutti gli Italiani che risiedono o domiciliano all'estero, o per i residenti su suolo nazionale che ne fanno richiesta almeno 30gg prima della data delle elezioni.

Per il momento, è tutto.
Firmato: il Ministro degli Interni della Repubblica Italiana

7 commenti:

psiko ha detto...

Ora, non vorrei dir molto, però cazzo il ministero degli interni..
cioé, i primi tre provvedimenti sarebbero sulla prostituzione, sulla maria e sulla circoscrizione estero?

non te voto.

F ha detto...

No, prima c'è la giustizia.. vedi post relativo ;)

titollo ha detto...

Io ti voto. Ma temo saranno in pochi a fare altrettanto.

F ha detto...

Insieme a psiko ci saranno i clan mafiosi e i cattolici ipocriti..

Anonimo ha detto...

Non credo che psiko ti voti..

karen ha detto...

ma io non ho capito, è tutto falso? TE LO SEI INVENTATO TE? perchè se così non fosse sarebbero cose meravigliose

F ha detto...

x Karen: purtroppo me lo sono inventato io..